Sono passate poche settimane dalla messa in onda di questa nuova serie TV (solo negli States allo stato attuale) ed è finalmente giunta l'ora di tirare le somme su quello che indubbiamente era uno dei telefilm più attesi dell'anno.

Sicuramente non sarà il Network televisivo che produce le miglior serie TV in circolazione, ma quando s'è trattato di ottenere i diritti per Hannibal, NBC ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per strutturare un prodotto di altissima qualità (a livelli dei migliori titoli HBO).
Perchè quando si parla di Hannibal, si parla di un eccellente mescolanza di differenti qualità: un'ottima "cupa" fotografia, una sceneggiatura robusta, dei personaggi molto complessi e ottimamente caratterizzati, una regia tutt'altro che scontata, fanno scalare i gradini della mia personalissima classifica di gradimento, fino a quelli più alti.

La serie fondamentalmente è il prequel de Il Silenzio degli Innocenti, ma post "Hannibal Lecter" (proprio il film, che invece trattava di un giovane Lecter, spiegandone le origini del male).
In questa serie, invece, viene ripercorso un periodo nel quale l'affermato psichiatra forense Hannibal Lecter collabora con l'FBI per catturare pericolosi serial killers.


L'attore che interpreta Hannibal è Mads Mikkelsen, noto ai più per le interpretazioni in Casino Royale e Scontro tra Titani; è stato recentemente premiato a Cannes come miglior attore maschile per il film Il Sospetto (premio vinto nel recente presente da attori del calibro di Javier Bardem e Sean Penn, fino pure al fresco premio Oscar Cristopher Waltz).
La sua recitazione è semplicemente divina: ogni lenta movenza del suo corpo ne denota il carattere, il suo sguardo glaciale ed inquietante è al tempo stesso profondo e mai impersonale, insanamente affascinante; insomma il Lecter di Mikkelsen trasmette ogni riflesso possibile di un personaggio così complesso come Hannibal Lecter, portando ad un livello probabilmente superiore la già eccelsa recitazione di Antony Hopkins nelle stesse vesti.

L'altro protagonista principale è Will Graham (interpretato da Hugh Dancy), un agente speciale, consulente dell'FBI, professore in criminologia nonchè profiler affermato, che grazie alle sue doti e alla sua forte empatia, riesce ad immedesimarsi nel serial killer di turno, intuendone motivazioni e psicologia, riuscendo a comprenderne l'essenza e ipotizzandone il modus operandi per tentarne la cattura. Will, proprio a causa di tale spiccata empatia, è costantemente sull'orlo del precipizio, barcollando nella sottile linea che divide la ragione dalla pazzia. Sarà proprio Lecter ad aiutarlo a mantenere salde le redini della ragione.

Terzo protagonista è Jack Crawford, interpretato da Laurence Fishburne (il Morpheus di Matrix o se preferite, il Raymond Langston delle ultime serie di CSI Las Vegas), l'agente speciale dell'FBI incaricato alla cattura degli assassini, nonchè colui che ingaggia Will Graham per questo arduo compito.

Guardando i primi minuti del pilot della serie, si potrebbe pensare d'essere di fronte a qualcosa di già visto... ma non è assolutamente così: gli effetti speciali utilizzati non sono mai banali, ma attentamente studiati e certamente molto efficaci. La serie non risulta mai sopra le righe e i colpi di scena sono sempre coerenti con una sceneggiatura che a mio avviso, non ha sbavature.
Un thriller con la giusta suspense, che trasmette le personalità dei "characters" in maniera completa:il Lecter di Mikkelsen ha una indole molta scrupolosa, attenta ai dettagli, minuziosa. La sua preparazione delle cene con Crawford, ne mostra tutta la meticolosità, l'eccentricità, la sofisticatezza.
Il Will Graham di Dancy ci mostra un personaggio borderline, tormentato, illuminato dalle proprie allucinazioni, che lo stanno lentamente trasformando in un qualcosa di cui lui ha paura. La sua recitazione trasmette al telespettatore una sana dose di sofferenza (per quanto poi indubbiamente potrebbe farselo un sorriso ogni tanto, giusto per sdrammatizzare!)

Altri ruoli interessanti sono interpretati dalla classica giornalista/blogger ficcanaso (Freddie), che probabilmente non raggiungerà la fine della stagione (credo che Lecter la "assaggerà" ben presto...) e la moglie di Crawford, che, senza fare necessariamente spoiler, difficilmente vedremo in una ipotetica seconda stagione...

In cosa un thriller come Hannibal è nettamente superiore, ad esempio, in confronto ad un The Following?
Innanzitutto il rapporto intellettuale che coesiste tra il buono e il cattivo (sebbene non sia noto a nessuno Lecter lo sia) è di un livello superiore. I dialoghi tra i due sono ipnotici e l'atmosfera stessa che si respira durante questi ultimi, lascia il telespettatore costantemente col fiato sospeso.
Ed è proprio questo il fulcro di Hannibal: la tensione viene rilasciata da questo controverso rapporto tra dottore e paziente, unilateralmente inconsapevole di essere ispirato dal più elegante e elaborato killer in circolazione.
Nessuna buffonata, nessun colpo di scena inconsistente potrà infastidire il telespettatore, che non dovrà mai interrogarsi su quanto accettabile sia la storia proposta dai produttori e sceneggiatori (come invece costantemente accade in The Following)

Il mio voto per questa serie, su una scala da 1 a 10, è 9, quindi pressochè il massimo. Indubbiamente, una delle più interessanti serie tv attualmente in circolazione (sperando che l'audience non proprio da urlo, ne permetta una programmazione a lungo termine)


Curiosità:
La 4° puntata della stagione è stata sospesa dal produttore Bryan Fuller a causa della violenza presente nell'episodio in concomitanza con i fatti accaduti alla maratona di Boston (l'attentato dinamitardo). É stata fatta questa scelta per non turbare il sensibile animo americano (che però permette ad ogni cittadino di comprare un fucile a canne mozze al supermarket!)

Sembrerò una psicopatica: sono d'accordo su tutto tranne su una cosa. Gli attori, la trama, i personaggi, persino le luci sono super, ma se hannibal deve essere uno tutto perfettino è inammissibile che se ne vada in giro vestito con orrido abiti abbinati a pessime cravatte. Il mitico anthony hopkins era inquietantissimo proprio perchè era perfetto elegante e sofisticato (anche con la tuta da carcerato) e da lui, così gentleman, non ti saresti mai aspettato che si nutrisse di carne umana. L'attore che lo fa ora è perfetto, ma se gli cambiassero il costumista mi farebbero una gran cortesia perché passo metà del tempo a lamentarmi di come è vestito male.


Visualizza Altro
#2

Ma se Antony Hopkins è sempre in magliettina bianca!!
Invece Mikkelsen è sempre in doppiopetto... certamente il suo stile non è da Neal Caffrey ( ), mentre è un "elegante oldstyle", con giacche in velluto e uno stile abbastanza inglese... giusto così!!


Visualizza Altro
#3

le sue orride cravatte GIURO che mi annebbiano il cervello! il mitico Antony è raffinatissimo, lui ha la faccia del maniaco un po' zalletto

#4
#5

ahahahahahahah a modo suo

#6
Inserisci Commento

ilbardelfumetto

Benvenuto nel SocialNERDWork dedicato al mondo dei Comics, Manga, Cinema e Serie TV. Fai sentire la tua voce, registrati.

Connettiti via