Pluripremiato parto dell’esuberante e geniale creatività di Jeff SmithBone è un’opera piuttosto corposa (si parla di circa 1318 pagine) e decisamente unica nel suo genere, non appartenendo, però, a uno soltanto: si possono infatti discernere diversi temi e influenze nella titanica epopea narrata dal fumettista statunitense, amalgamati in maniera così gradevole e ben congegnata come solo i veri Maestri sono capaci di fare. Se ciò non fosse bastato a far comprendere che si stia parlando di un vero e proprio capolavoro, basti pensare che l’opera è stata inserita tra i dieci fumetti migliori di tutti i tempi secondo il Time Magazine.

In un caso come quello di Bone, non si può fare altro che parlare della trama per sommi capi: gli avvenimenti narrati da Smith sono infatti estremamente variegati e appassionanti, e risulta impossibile (o perlomeno molto arduo) fare un sunto della vicenda alla base dell’opera.

In un giorno apparentemente uguale a ogni altro, Smith ci fa fare la conoscenza dei tre cugini Bone, protagonisti dell’intreccio: Fone, Phoney e Smiley, simili tra loro esteticamente ma molto diversi sul piano caratteriale. Questi appartengono alla razza dei bone, piccole e buffe creaturine candide e paffute, non meglio identificate, rassomiglianti a dei simpatici marshmallows con le gambe. Il trio è stato appena cacciato dalla propria città natia, Boneville, a causa del cugino Phoney, bone avido e opportunista che è riuscito a combinare un disastro dalle dimensioni così colossali da meritare il linciaggio da parte dei concittadini; ovviamente, Fone e Smiley, mossi da compassione per il parente, non hanno avuto il cuore di abbandonarlo al proprio gramo destino e l’hanno accompagnato nell’esilio dalla città.

La valle in cui capitano i tre cuginiLe tre buffe creaturine verranno presto travolte da un anomalo sciame di locuste che li trascinerà in una valle a loro sconosciuta, separandoli. Così, isolati e sperduti in un luogo che ben presto si rivelerà assai inospitale, dovranno tentare di ricongiungersi col parentado; in breve, però, si ritroveranno invischiati in un’incredibile avventura, ben più grande di loro. Anzi, non in una sola: è vero che la trama di fondo dell’opera sia una sola, ma in 1318 pagine è palese come ai tre poveri cugini ne capiteranno davvero di tutti i colori. Riusciranno tre piccole e indifese creaturine ad affrontare le avversità a testa alta? Cos’ha in serbo il destino per loro?

Sui disegni di Jeff Smith c’è ben poco da dire: sono semplicemente stupendi. L’illustratore, nonché straordinario autore completo dal genio decisamente eclettico, produce delle tavole a dir poco meravigliose e ricche di particolari, dimostrando di possedere un tratto sorprendentemente adatto sia al fumetto umoristico che a quello realistico. Bone ne è la prova, con le sue pagine popolate da alcuni personaggi - tra cui i protagonisti - rappresentati in modo piuttosto cartoonesco, con linee morbide e tondeggianti, adattissimi per attuare dell’ottima comicità visiva o di genere slapstick; cosa che si nota soprattutto se li si contrappone a una seconda tipologia di characters, quelli umani, tratteggiati con fedele aderenza alla realtà e con molta precisione. Un conflitto grafico del genere è un grosso azzardo, alla portata di pochi Maestri, ma Jeff Smith centra l’obbiettivo con risultati strabilianti, facendo del contrasto e dello straniamento la propria bandiera: l’autore attua infatti una tecnica simile anche sul fronte dei testi, alternando momenti puramente comici e decisamente esilaranti, trattando temi leggeri e mettendo in scena eventi allegri e rilassanti, ad altri drammatici e addirittura inquietanti, durante i quali i giochi si fanno davvero duri per i personaggi del romanzo.

In Bone accade infatti qualcosa di strano, essendo possibile dividere l’opera in due tronconi ben distinti. La prima parte, caratterizzata da una forte e egregiamente realizzata vena comica, procede conferendo molta meno importanza alla trama vera e propria, parecchio intricata, e funge esclusivamente da narrazione introduttiva dove, più che il susseguirsi degli avvenimenti, sono le irresistibili gag a farla da padrone; ciò verrà completamente capovolto nella seconda sezione della vicenda, dove i toni marcatamente fantasy, avventurosi e drammatici prenderanno definitivamente il sopravvento, catturando totalmente l’attenzione del lettore e facendo, forse, anche un po’ rimpiangere gli scanzonati accenti iniziali. 

Bone è una fiaba per adulti dal taglio eccezionalmente maturo, pur restando perfettamente godibile da tutti: questo è uno dei suoi più grandi punti di forza e, forse, mai nessun altro graphic novel ha ricoperto una fascia di target così ampia; o meglio, pressoché illimitata. 

Per Jeff Smith sono sicuramente tantissime le influenze e le fonti d’ispirazione, e necessariamente da citare il Maestro Carl Barks e i suoi Paperi Disney: Fone, Phoney e Smiley si catapultano nell’azione con le stesse dinamiche con cui l’Uomo dei Paperi fa muovere i propri personaggi, inoltre i protagonisti dell’epopea di Smith ricordano moltissimo per carattere e modi di fare, rispettivamente, un risoluto e determinato Topolino, benché più dolce e romantico, un Paperone meno previdente e decisamente meno onesto e un Pippo meno poeta e più stralunato. Altra importante lezione è quella impartita da Walt Kelly con il suo Pogo, celeberrima striscia a fumetti con protagonisti animali antropomorfi, e, indubbiamente, per atmosfere e ambientazioni, il grande autore fantasy J.R.R. Tolkien con le sue opere.

L’opera a questo punto potrebbe sembrarvi solo un gran minestrone di influenze e generi, tenendo conto che racchiude, oltre alla tendenza umoristica, quella avventurosa e quella fantasy, anche, in scene isolate del romanzo, una prettamente horror; ma Smith riesce ad amalgamare il tutto alla perfezione, diluendo bene i tempi narrativi e riuscendo a impartire a ogni sequenza il ritmo adeguato, restituendo a quell’universo fittizio, così sfaccettato e complesso, un grandioso spessore che deriva dall’eterogeneità dell’insieme.


Qualcuno obietta che il finale di Bone sia troppo veloce, insoddisfacente, affrettato; la verità, invece, è ben altra. Quella in esame appartiene alla categoria delle storie che non vorresti mai smettere di leggere, in quegli universi di cui vorresti rimanere per sempre prigioniero: qualsiasi conclusione sarebbe parsa frettolosa, al lettore che termina la propria avventura con Bone per la prima volta. Qualsiasi. 

Per tirare le somme, ciò che Jeff Smith estrae dal cilindro è un capolavoro assoluto e imprescindibile, caposaldo del Fumetto mondiale, impreziosito dalla sorprendente maestria dimostrata dall’autore sia sul fronte dei testi che dei disegni. Lo scrittore consegna alla storia personaggi carismatici e pulsanti, tridimensionali, sui quali lavora fin dalla più tenera età e a cui è molto affezionato; ciò si avverte anche solo sfogliando Bone, la sua opera massima, uno straordinario viaggio che farà ridere, commuovere, appassionare il lettore. In una parola: emozionare.
Come ogni grande storia del resto.

#10
#11
#12
#13
#14
Inserisci Commento

ilbardelfumetto

Benvenuto nel SocialNERDWork dedicato al mondo dei Comics, Manga, Cinema e Serie TV. Fai sentire la tua voce, registrati.

Connettiti via