Il mondo dei comics americani è al 90% di stampo supereroistico. Questo non è un male sia chiaro, però spesso dopo decenni e decenni di personaggi e storie, tutto sembra già visto e già letto e così non si e' mai soddisfatti appieno della lettura affrontata.
Forse le grandi case editrici ci hanno abituati a fin troppi crossover e false morti e, così facendo, i nostri beniamini hanno perso un po' della loro credibilità, anche perché hanno più' o meno tutti sulle spalle decenni di continuity, fardello non semplice né da portare né da gestire. 

INVINCIBLE e' una mosca bianca nel panorama del comics americano, e, pur essendo un fumetto di stampo supereroistico, ha una marcia in più' e non ha anni di continuity da gestire e recuperare. Ma andiamo per gradi:

Invincible nasce dalla fantastica mente di Robert Kirkman (no, non ha scritto solo The Walking Dead!) e illustrato, dapprima da Cory Walker e successivamente dal superlativo Ryan Ottley, uno dei migliori disegnatori di comics al mondo.
Invincible prende i classici cliché del comic americano, li rielabora e ce li schiaffa in faccia con irriverenza.
Kirkman narra questa fantastica storia con lo stile di una serie televisiva: finisci un capitolo e non vedi l'ora di leggere il successivo.

Andiamo a vedere di cosa tratta nel dettaglio questo capolavoro: Mark Garyson alias Invincible e' un adolescente, figlio di un'umana e di Omniman il più grande supereroe del mondo (una sorta di Superman). Mark si trova in piena età adolescenziale e sta sviluppando e scoprendo i suoi superpoteri, inizia così ad intraprendere la carriera di supereroe con il padre, ma ad un tratto un clamoroso e per nulla banale colpo di scena distrugge questa quiete: il più grande gruppo di supereroi (una sorta di JLA o Avengers) al mondo é stato sterminato, ma da chi e perché'?

Senza svelarvi nulla vi posso assicurare che questo e' solo l'inizio di un'avventura spettacolare, emozionante e mai banale, un'opera dove sentimenti, valori, amicizia e voglia di riscatto si mescolano alla perfezione. Un fumetto epico, assolutamente privo di difetti. Un'opera perfetta.

Per certi versi trovo che Invincibile sia una sorta di Dragonball occidentale di stampo supereroistico, magari più' in la' analizzerò in un articolo i parallelismi tra le due opere.

sentiti in colpa Daniele... il mio portafoglio ti odia....

#4

fidati mi ringrazierai.........

#5

Concordo, ringrazierete! Non c'è persona a cui ho fatto leggere Invincible che non ne sia rimasta entusiasta e non mi abbia chiesto i numeri successivi! Ottima storia, ottimi disegni, ottimi personaggi. Attendo con ansia i nuovi volumi (ora in mano a Salda Press)

#6

In che volumi è raccolto in Italia?

#7

Ho letto i primi 4 numeri americani e ne sono rimasto più che deluso. Storia banale e dialoghi scontati. L'origine del padre di invincibile poi è davvero ridicola. Non mi piacciono nemmeno i disegni anche se so che il disegnatore più avanti cambia. Sapevo che i primi volumi non ermo niente di che ma non pensavo fino a sto punto.


Visualizza Altro
#8
Inserisci Commento

ilbardelfumetto

Benvenuto nel SocialNERDWork dedicato al mondo dei Comics, Manga, Cinema e Serie TV. Fai sentire la tua voce, registrati.

Connettiti via