Seguono spoiler sull'ultimo numero della testata Marvel di Capitan America pubblicata nei giorni scorsi negli USA. 

Nel fumettomondo del web nelle ultime ore si sta facendo un gran parlare del plot twist di Steve Rogers: Captain America #1, albo sceneggiato da Nick Spencer in cui il capitano si è dichiarato un membro dell'Hydra in una splash page che ha fatto il giro della rete (qui il nostro editoriale sulla questione).

A pronunciarsi sull'inattesa svolta nella vita editoriale del Capitano è stato anche Stan Lee. Ecco le sue parole: "É un'idea dannatamente scaltra. Non so se avrei mai pensato a lui come a un doppiogiochista, ma questo vi renderà curiosi, vi farà venir voglia di leggere gli albi. Probabilmente faranno in film su questa storia. Quindi non posso lamentarmi, è una buona idea, pazza ma una buona idea."

Qui il video dal Megacon di Orlando da cui sono tratte le parole del sorridente:



Ma come fa a dire che è una buona idea se non l'hanno ancora sviluppata ? Per ora è solo una sparata, assurda e che contrasta con quasi un secolo di storie. Se poi l'autore dovesse dimostrare il contrario tanto di cappello, ma appunto deve dimostrarlo...

#2

E' un'idea dannatamente scaltra... Ovvero semplicemente furba, senza alcuna prospettiva se non quella di vendere, infatti... Non so se avrei pensato a lui come un doppiogiochista: No, nella maniera piú assoluta, e men che meno Kirby, autore infatti di un terribile ciclo patriottico... Ma vi renderá curiosi, vi fará venir voglia di comprare gli albi: caro Stan, anche no e soprattutto un'affermazione del genere denuncia una perdita di copie per le quali è stato necessario l'intervento dell'ufficio marketing... Probabilmente faranno un film su questa storia... Eccoci al nucleo della questione... Spolpa il maiale sino al midollo... Comunque ricordo che nella prima serie di ultimates, quando Millar aveva ancora un pó di brace si fuoco sacro, questa ipotesi - il tradimento di cap- era stata adombrata in modo molto efficace e cinematografico... Quindi non posso lamentarmi, non credevo che arrivati acnovant'anni ci fossero ancora conti da pagare... È una buona idea,cpazza, ma una buona idea... E qui torno ad una mia vecchia teoria: è un'ottima idea se condensata in tre, al massimo sei numeri, giusto per realzzare un cartonato, ma le motivazioni per scuotere sin dalle fondamenta la fiducia dei lettori devono essere forti, avvincenti e - soprattutto- oneste, altrimenti si fa la fine di one more day di spider man... Ideona narrativa che mi ha reso paranoico: ma a nessuno è mai importato veramente che peter parker abbia venduto l'anima al diavolo? Diavolo, mefisto intendo ,che preso il boccone è scomparso dall'universo marvel? Patto che ha lanciato lo strazio del girone di dan slott... Sono solo io che pretendo coerenza in quello che, senz'altro mi piace leggere, ma alla fine pago? Sono solo io che trovo una perversione qualsiasi rapporto tra le storie che leggo ed i film del marvel universe, che magari non mi interessa andare a vedere perché li trovo ben oltre il livello di imbarazzo segnato dal comprare il fumetto?


Visualizza Altro
#3

Insomma, sono solo io che trovo i film marvel delle divertenti cretinate che stanno però inzzozando il lavoro di decine di onesti professionisti sceneggiatori e disegnatori che, con un budget molto più limitato, possono realizzare storie molto più epiche del filmetto da mazzate alla cecata?


Visualizza Altro
#4

"he, con un budget molto più limitato, possono realizzare storie molto più epiche del filmetto da mazzate alla cecata?" ma che ahimè producono un milionesimo del fatturato netto del filmetto.

#5

ahimè, c'hai ragione...

#6
Inserisci Commento

ilbardelfumetto

Benvenuto nel SocialNERDWork dedicato al mondo dei Comics, Manga, Cinema e Serie TV. Fai sentire la tua voce, registrati.

Connettiti via