Nel corso della nottata, è andata in scena la 72esima edizione dei Golden Globe, gli importanti riconoscimenti che vengono annualmente assegnati dalla stampa estera alla migliori produzioni hollywoodiane di cinema e tv.

Nella categoria cinema, a farla da padroni sono stati a sorpresa il film drammatico di Richard Linklater Boyhood (che si porta a casa anche le statuette come miglior regista e miglior attrice non protagonista) e la commedia di Wes Anderson The Grand Budapest Hotel, il cui incredibile cast (tra gli altri, Bill Murray, Edward Norton e Ralph Fiennes) era presente al gran completo.

Meno sorprese per quanto riguarda la categoria attori, con il riconoscimento per miglior attrice drammatica che va a Julianne Moore per la sua interpretazione dell'insegnante affetta da Alzheimer in Still Alice; il premio come miglior attore drammatico se lo porta a casa Eddie Redmayne per la sua interpretazione dell'astrofisico Stephen Hawking ne La teoria del tutto; mentre il titolo di miglior attore di commedia va a Michael Keaton, star di Birdman di Alejandro Gonzalez Inarritu; infine, miglior attrice di commedia è Amy Adams nel film di Tim Burton Big Eyes. 

Qualche sorpresa, invece, è arrivata dai premi assegnati alla TV, con due serie appena uscite che hanno vinto la concorrenza di produzioni ben più rodate. Mi riferisco alla serie drammatica The Affair e alla commedia Transparent, entrambe uscite da poche settimane e già vincitrici di ben due Golden Globe a testa. Decisamente più attesa, invece, la vittoria di Fargo, pregevole produzione, a metà tra il film e la miniserie. Ecco tutti premi nel dettaglio:

 

CINEMA

Miglior film drammatico
Boyhood di Richard Linklater

Miglior commedia
Grand Budapest Hotel di Wes Anderson

Miglior attrice di film drammatico
Julianne Moore per Still Alice

Miglior film drammatico
Eddie Redmayne per La teoria del tutto

Miglior attore di commedia
Michael Keaton per Birdman

Miglior attrice protagonista di commedia
Amy Adams per Big Eyes

Miglior regista
Richard Linklater per Boyhood

Miglior film straniero
Leviathan del regista russo Andrey Zvyagintsev

Miglior sceneggiatura
Birdman di Alejandro González Iñárritu, Armando Bo, Alexander Dinelaris, Nicolás Giacobone

Miglior attrice non protagonista
Patricia Arquette per Boyhood

Miglior attore non protagonista
J. K. Simmons per Whiplash

Miglior film d'animazione
Dragon Trainer 2

Miglior canzone
Common per Selma

Miglior colonna sonora
Jóhann Jóhannsson per La teoria del tutto

 

SERIE TV

Miglior attore in una serie tv commedia
Jeffrey Tambor per Transparent

Miglior attore in una serie tv drammatica
Kevin Spacey per House of Cards

Miglior serie tv drammatica
The Affair

Miglior attrice in una miniserie o film per la tv
Maggie Gyllenhaal per The Honourable Woman

Miglior attore in una miniserie o film per la tv
Matt Bomer per The Normal Heart

Miglior serie tv commedia
Transparent

Miglior attrice in una serie tv commedia
Gina Rodriguez per Jane the Virgin

Miglior attore in una miniserie o film per la tv
Billy Bob Thornton per Fargo

Miglior miniserie o film per la tv
Fargo

Miglior attrice non protagonista in una serie tv
Joanne Froggatt per Downton Abbey

Miglior attrice in una serie tv
Ruth Wilson per The Affair

Da sottolineare anche come molti artisti abbiano voluto ricordare la strage di Parigi, mettendo in mostra cartelli o spille con la scritta "Je suis Charlie". Tra i nomi più importanti, George Clooney e la moglie Amal, Diane Kruger, Helen Mirren, Kathy Bates, Jared Leto e Joshua Jackson.

Inserisci Commento

ilbardelfumetto

Benvenuto nel SocialNERDWork dedicato al mondo dei Comics, Manga, Cinema e Serie TV. Fai sentire la tua voce, registrati.

Connettiti via