Dick e Cok nascono dalle menti malsane di Roberto Megna e Carlo Lauro.
Era l'estate del 2006 e i due, amici dai tempi della scuola, passavano loro serate a bighellonare, tracannare ettolitri di birra e fare battute squallide sfoggiando un turpiloquio degno di un testo di Eminem.
Proprio durante una di quelle sere una frase illuminò le loro pigre cellule grigie: "ti rendi conto che ogni tre parole diciamo quattro volte cazzo? Dovremmo darci una regolata... O inventare dei personaggi che parlino come noi". Venti minuti dopo Dick e Cok erano su carta.

Inizialmente si limitavano a descrivere in chiave ironica sprazzi di vita degli autori. Una sorta di diario comico che circolava in una ristretta cerchia di amici. Col passare del tempo Dick e Cok sviluppano una loro personalità e  il loro mondo inizia a definirsi. Tramite la Reggiocomix, accademia del fumetto che Roberto e Carlo frequentavano in quegli anni, i personaggi escono allo scoperto, diventandone le mascotte. Accompagnati da un perfetto connubio di ironia e cinismo, Dick e Cok  iniziano a trattare argomenti pungenti, legati soprattutto al contesto sociale della loro città natia, Reggio Calabria. Tra semplice ilarità e velata denuncia sociale Dick e Cok acquistano visibilità e raccolgono consensi e approvazioni.

Cosi inizia la loro storia. Dick e Cok sono due inseparabili amici che passano la maggior parte delle loro giornate insieme. Amano bere birra, fumare sigarette e sfidarsi in interminabili partite ai videogame. Sono l'incarnazione stessa della pigrizia e dell'immaturità. Privi di senso di responsabilità affrontano ogni giornata, ogni avversità ed ogni argomento allo stesso modo: scherzandoci su. Ma nonostante il loro approccio alla vita politicamente scorretto, sono lo specchio della gioventù ai nostri giorni. L'incapacità mista alla difficoltà di trovare un lavoro, la poca voglia di maturare e di fare progetti per un futuro che sembra sempre troppo lontano. Rappresentano questa generazione, che non vuole e non sa pensare al domani.

Ed è proprio a questa generazione che sono rivolte le loro avventure a fumetti. Condite da quella "volgarità" che ormai non scandalizza più ma che se usata nel modo giusto, sa essere esilarante.

Dopo anni di gestazione e di tira e molla, Dick e Cok approdano su Facebook dove, tra irriverenza, sarcasmo e un pizzico di ingenua stupidità, mostrano a tutti la loro visione parodica del mondo. Attualmente vengono postate periodicamente delle strisce autoconclusive, volte a far conoscere i personaggi e verificare il gradimento del pubblico. Dopo poco più di due mesi la pagina vanta oltre milleottocento fan, e continua a crescere giorno dopo giorno. Ma le avventure di Dick e Cok non si limitano a singole vignette. Attualmente in lavorazione ci sono le loro storie ad episodi, collegate ad un filone narrativo unico, ed una raccolta di parodie dei migliori film e videogame.

La speranza degli autori è quello di far divertire una platea sempre più vasta, alla quale destinare una pubblicazione cartacea e, perché no, una serie animata. Il loro sogno, invece, è riuscire a sviluppare un progetto di qualità come le fonti alle quali si ispirano, ad esempio ratman del grande Leo Ortolani, i Griffin, o il più recente Zerocalcare.

In sostanza il sogno di Roberto Megna e Carlo Lauro è di far divertire i lettori, cosi come loro si divertono a produrre le storie di Dick e Cok.

Potete leggere le avventure di Dick e Cok nella loro pagina Facebook : facebook.com/dickandcok

Seguiteli anche su Twitter: Dick_and_Cok

#1
Inserisci Commento

ilbardelfumetto

Benvenuto nel SocialNERDWork dedicato al mondo dei Comics, Manga, Cinema e Serie TV. Fai sentire la tua voce, registrati.

Connettiti via