I misteriosi annunci di questa settimana rilasciati da Marvel "Are we...?", "Is she...?" hanno portato alla release del teaser definitivo "Are you Inhuman?" accompagnato dalla cover realizzata da Olivier Coipel per Inhumanity #1.

Inhumanity prenderà il via nel Marvel Universe post-Infinitiy (crossover di Jonathan Hickman attualmente in corso di pubblicazione negli USA): le nebbie terrigene verranno rilasciate sulla Terra attivando inumani dormienti. Il risulatato sarà una crescita della popolazione inumana che si dividerà in fazioni con una conseguente lotta di potere. Epicentro della storia che si svilupperà in Inhumanity sarà la nuova serie regolare Inhuman scritta da Matt Fraction e disegnata da Joe Madureira

Queste le parole di Fraction sulle sua nuova serie:
"Assisteremo agli intrigihi di palazzo della famiglia reale degli Inumani che va in frantumi. Sarà una storia dai connotati mitici e supereroistici che porterà a trasformare il mondo in una realtà piena di supereroi. Abbiamo la possibilità di tornare alla classica metafora Marvel dell'alienazione. Raccontiamo storie di fantascienza ma parliamo di uguaglianza di razze. 
Le ceneri della famiglia reale covano sotto la cenere, vedrete chi vivrà, chi morirà, chi resterà, e come essi cominceranno a ricostruire. Una volta che questa città cadrà, grandi cose accadranno."

Per gli Inumani, creati nel 1965 da Stan Lee e Jack Kirby si preannuncia una seconda giovinezza nel Marvel NOW.
Eccovi la cover di Coipel per Inhumanity #1 con Karnak in primo piano:

non vedo l'ora *.*

#1

Forte *Q*

#2

Praticamente "Inhumans are the new mutants"?

Inumani dormienti che si "attivano", due fazioni in lotta tra loro, etc...mi sa tanto di già visto

#3

Così, altra carne sul fuoco, a questo punto l'80% della popolazione ( americana ovviamente XD) avrà dei superpoteri, come se fino ad adesso fossero in pochi...

#4
Inserisci Commento

ilbardelfumetto

Benvenuto nel SocialNERDWork dedicato al mondo dei Comics, Manga, Cinema e Serie TV. Fai sentire la tua voce, registrati.

Connettiti via